TERRE D ACQUA VERCELLI LE RISAIE E VIGEVANO

TERRE D'ACQUA: VERCELLI, LE RISAIE E VIGEVANO
TERRE D'ACQUA
dal: 21/09/2019 - al: 22/09/2019 | ITALIA | 2 GIORNI/1 NOTTE
Un viaggio fra le terre a vocazione risicola, per scoprire i segreti della sua antica e moderna produzione. E poi la visita delle città più importanti di questo territorio: Vercelli e Vigevano

Quota di partecipazione

(minimo 25 persone)

€ 240

Supplemento in camera singola

€ 30

 

PRIMO GIORNO
Al mattino ritrovo dei partecipanti a Firenze e partenza in pullman per la provincia di Vercelli. Se dici Vercelli, dici riso. La vocazione risicola della provincia è legata a un reticolo di canali antichissimi, fondamentali per l’irrigazione delle risaie. Visita guidata del Principato di Lucedio, abbazia fondata nel 1123 dai monaci Cistercensi che, all’inizio del 1400, primi in Italia, introdussero la coltivazione del riso, che prosegue ancora oggi nel rispetto delle tradizioni e dell’ambiente. La visita ci porta alla scoperta degli ambienti medievali: la Sala dei Conversi, la Sala Capitolare, il Chiostro, il Refettorio e la Galleria. Pranzo in ristorante a base di prodotti tipici. Trasferimento a Vercelli incontro con la guida per la visita della città, la capitale del riso. Detta anche “la San Gimignano delle terre d'acqua”, presenta ancora alcune delle più di cento torri medievali cittadine che dovevano spiccare tra gli scenografici specchi d'acqua delle risaie. Tappa attrezzata e ospitale per i pellegrini in viaggio sulla Via Francigena, Vercelli raggiunse il suo apogeo economico nel medioevo e rinascimento, di cui rimangono evidenti testimonianze. Visita della Basilica di S.Andrea, del Duomo secentesco e passeggiata nel centro storico che si estende da Piazza Cavour alla Sinagoga, fra vicoli e palazzi patrizi, torri gentilizie medievali, eleganti negozi e allegri mercati. Sistemazione nelle camere riservate in hotel a Vercelli. Cena e pernottamento.
SECONDO GIORNO
Prima colazione in hotel. Partenza per la visita alla Tenuta Colombara di Livorno Ferraris, edificata intorno al 1400. Originariamente conosciuta come ostello per viandanti, nel 1571 viene avviata la coltivazione risicola, dando inizio a quel “mondo cascina” dove erano presenti abitazioni, osterie, botteghe, una scuola, il campo santo e tutto il necessario per vivere con la propria famiglia. Oggi la famiglia Rondolino si occupa della produzione del riso “Acquerello”. Verranno mostrate le caratteristiche di lavorazione del prodotto e si visita il Museo della Risicoltura dove ogni cosa é stata riposta dove era una volta, i laboratori, le abitazioni, il dormitorio delle mondine. Al termine della visita, partenza per Vigevano. Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita guidata del centro storico di Vigevano che testimonia appieno lo splendore del passato cittadino, dovuto soprattutto alla signoria degli Sforza. Il cuore della città vecchia è Piazza Ducale, una piazza tardo quattrocentesca dove tutto è elegante e armoniosamente misurato. Uno spazio scenografico voluto da Ludovico il Moro che si trasferì a vivere qui con tutta la corte in quella che sarebbe dovuta essere la residenza di caccia. La grande piazza doveva essere l’anticamera d’ingresso al vicino Castello sforzesco, uno dei più grandi d’Europa. Oggi vi si affacciano, oltre al Castello, il Duomo e tanti caffè all’aperto dove poter sorseggiare un aperitivo. Tempo libero per la visita di "Leonardiana", museo multimediale dedicato a Leonardo da Vinci oppure per la salita alla Torre del Bramante, splendido punto panoramico. Partenza per il rientro a Firenze.

 

Richiedi informazioni